elipse-right elipse-left

Pulpite, cos’è e come intervenire

A cura di Emoform

Hai mai sentito parlare di pulpite? Forse no ma molto probabilmente ne hai sofferto visto che si tratta di una delle cause più comuni del mal di denti. Comincia con un dolore più o meno intenso che può essere peggiorato dagli stimoli termici (caldo/freddo), chimici (dolci e zuccheri) oppure meccanici (masticazione).

Cerchiamo di capirne di più in questo articolo e di capire come risolvere il problema in maniera rapida ed efficace.

La pulpite è una delle cause della carie dentale

Le cause

Di solito la pulpite è la diretta conseguenza di una carie. 

Che cosa succede? Senza un’igiene orale corretta e costante, nel cavo orale proliferano i batteri che producono sostanze acide che attaccano lo smalto dei nostri denti, raggiungendo la dentina ed intaccando la polpa del dente fino a scatenare la pulpite.

Altre cause

Non c’è solo la carie, ma anche altri motivi che possono scatenare la pulpite:

Tipi di pulpite

Non esiste un solo tipo di pulpite, bensì due tipi diversi in base al grado di infiammazione. 

Pulpite reversibile

In questo caso si tratta di un’infiammazione moderata della polpa che può rientrare in poco tempo: il dolore, infatti, passa se viene meno lo stimolo esterno che ha scatenato la sintomatologia.

Pulpite irreversibile

Questa seconda forma di pulpite si manifesta se non viene gestita per tempo, può portare alla necrosi della polpa dentale. Tendenzialmente, anche togliendo lo stimolo, il dolore resta persistente.

I sintomi

All’inizio, la patologia alla base, causa di una futura pulpite (che sia una carie o la malattia parodontale) può essere asintomatica, per questo si consiglia una visita annuale dal proprio dentista che tenga sotto controllo la situazione generale e che possa diagnosticare per tempo eventuali disturbi dentali.

In una seconda fase si manifesta il mal di denti con un dolore solitamente molto intenso e pulsante localizzato in un punto preciso.

La cura

In presenza di pulpite solitamente la cura si basa sulla somministrazione di farmaci analgesici e di interventi specifici per rimuovere le cause della stessa; spesso basta soltanto eliminare la carie, nei casi più gravi può essere necessario devitalizzare il dente.

La prevenzione

Ad ogni modo anche per la pulpite la migliore cura è la prevenzione, soprattutto perché, come abbiamo detto, una delle cause più comuni è la carie, strettamente collegata ad una scarsa igiene orale.

Piccolo decalogo per prevenire la pulpite:

  • Lavare i denti almeno tre volte al giorno con dentifrici a base di fluoro
  • Spazzolare dalla gengiva verso il dente
  • Non usare prodotti sbiancanti abrasivi
  • Usare il filo interdentale/lo scovolino
  • Utilizzare collutori antiplacca
  • Non esagerare con i dolci
  • Recarsi periodicamente dal dentista

Emoform consiglia

Il dentifricio in gel Neo Emoform® Protezione Totale aiuta a prendersi cura delle tue gengive. La sua formula ricca di Sali minerali e l’azione sinergica degli agenti antibatterici, aiutano a prevenire le cause dei disturbi gengivali e rimuovere la placca batterica.  L’azione totale del dentifricio in gel si completa con:

  • Estratti di zenzero e camomilla con proprietà lenitive riducono il fastidio associato alle infiammazioni gengivali;
  • Xilitolo: contrasta la formazione della carie
  • Cloruro di potassio: svolge un’azione desensibilizzante
  • Menta naturale: dona un gusto fresco e delicato

Contiene un quantitativo di fluoro adeguato anche per i più piccoli pari a 950 ppm.

Formato: 100 ml.