Rischio piorrea: c’è una soluzione definitiva?

Rischio piorrea: c’è una soluzione definitiva?

Michela I. Mola di Bari

DOMANDA COMPLETA

Ho allattato per 18 mesi. Ho sempre fatto pulizia denti, però ho un problema che mi affligge. Ritiro delle gengive su alcuni denti e se schiaccio fuoriesce un liquido bianco, non ho alitosi. La cosa che più mi dispiace è che ai denti ho tenuto sempre tantissimo. Non so spiegarmi questa cosa, ho paura della piorrea e delle conseguenze. Il mio dentista mi tranquillizza con la pulizia ogni 4 mesi per tenere sotto controllo la situazione, io però non sono soddisfatta voglio una soluzione .

Risposta:

Gent.ma Sig.ra Michela,

quella che una volta si chiamava piorrea oggi è chiamata malattia parodontale. Come per il diabete non esiste una cura che comporti la guarigione completa, ma come col diabete è possibile curarsi controllando e rallentando l’evoluzione della malattia. Uno strumento utile a cui sono le frequenti sedute di igiene e curettaggio eseguite da dentisti e parodontologi. Domiciliarmente è importante avere abitudini alimentari corrette, igiene adeguata è assolutamente non fumare.

Grazie per averci contattato.

Potrebbero interessarti

L'esperto risponde

Hai una domanda sulla salute della tua bocca?

Emoform in collaborazione con l'Istituto Stomatologico Italiano ti fornisce tutto il supporto di cui hai bisogno.

a cura di

ISI

L’ISI, Istituto Stomatologico Italiano, dal 1908 rappresenta la storia dell’Odontoiatria italiana.
E' il punto di riferimento costante tra lo sviluppo di competenze scientifiche e le esigenze e le cure dei pazienti.