Patina dentale sui denti, di cosa si tratta? - Emoform

Patina dentale sui denti, di cosa si tratta?

Anna B.

Padova

DOMANDA COMPLETA

Ho un problema alle gengive che va avanti da un po’.Tutto era iniziato con un po’ di tartaro proprio tra la gengiva e il dente ma non avendo molto tempo per fare una pulizia ho aspettato fino a quando la gengiva si era sollevata. Il problema è che ora la gengiva sollevata si è ritirata e si vede quasi tutto il dente! Sto lavando i denti con spazzolino elettrico e faccio due volte al giorno i risciacqui con il collutorio e acqua e sale. Da alcuni giorni ho visto che si sta
presentando della patina bianca tra il dente e la gengiva, credendo fosse solo sporco ho passato il filo interdentale ma essa ritorna sempre! Le gengive sono anche un pochino bianche in alcuni punti. Può dirmi cosa posso fare? La mia preoccupazione è la perdita dei denti.

Risposta:

Gent.ma Sig.ra Anna,

Quella patina che continua a formarsi è presumibilmente placca batterica che giustamente appena vede correttamente rimuove. La placca batterica di forma costantemente, non necessariamente solo dopo i pasti: è formata da batteri, cellule gengivali dispeitelozzate e prodotti metabolici dei batteri. Quando non rimossa, calcifica per precipitazione dei sali contenuti nella saliva diventando tartaro che favorisce ulteriore accumulo batterico. Non avendo seguito regolarmente l’igiene professionale, il danno che si è creato è irreversibile, le gengive infatti in presenza di tartaro soffrono e si ritirano portandosi dietro l’osso, quando guariscono, riducendosi il gonfiore dovuto all’infiammazione da tartaro, lasciano scoperto il dente.

Domiciliarmente è complesso e a volte incompleto, nonostante la cura e la costanza, il processo di rimozione di placca e tartaro. Un’igiene professionale ogni 6 mesi sarebbe l’ideale. In questo periodo, con la situazione che è sotto gli occhi di tutti, sarebbe comunque da rimandare a tempi meno infettivi.

Grazie per averci contattato.

Ti potrebbe interessare

Il giorno 22 sono stato dal dentista per il solito controllo annuale.

Gent.mo Massimiliano, Il parere prescindendo da una valutazione clinica in questi casi diventa difficilmente preciso. Pertanto, le consigliamo di seguire le indicazioni del suo dentista o laddove lo ritenga opportuno per mancata effica...

Credo di soffrire di alitosi ma non credo che il problema sia solamente orale.

Gent.ma Francesca, l’alitosi può originare dalla presenza di aree di accumulo batterico dentò-gengivali, dal pavimento linguale o anche da alterazioni/problematiche del tratto gastro esofageo. È opportuno partire da una visita odontoia...

Ho problemi di recessione gengivale. Cosa potrei assumere per rinforzare le mie gengive?

Gent.ma Antonella, I problemi di recessione gengivale possono avere cause di vario genere. Spesso addirittura, risultano essere l’esito di traumi autoindotti durante uno spazzolamento non adatto, altre volte esito di un processo infiam...

Infiammazione dove ancora non è spuntato il dente del giudizio, può essere pericoloso?

Gent.ma Daniela, problematiche annesse all'eruzione (l'uscita) dei denti del giudizio sono molto frequenti e spesso, a causa della mancanza di spazio, vengono a crearsi infiammazioni della gengiva intorno con pericoronite o tasche paro...

Fastidio dopo otturazione, è normale?

Gent.ma Elena, verosimilmente il dente avrebbe iniziato a darle fastidio di lì a poco anche se il dentista non lo avesse curato. Probabilmente è stato un tentativo estremo di proteggere la polpa, ovvero il nervo, molto vicina all'ottur...

Infiammazione dopo rimozione di un dente, come risolvere?

Gent.ma Sig.ra Ylenia, le consigliamo vivamente un controllo specialistico odontoiatrico clinico e radiologico per approfondire la questione e la reale problematica. Nell'attesa di prenotare una visita, le consigliamo di utilizzare pro...

Dopo l’estrazione ho ancora i punti, cosa devo fare?

Gent.ma Sig.ra Barbara, Una visita di controllo è assolutamente consigliabile. I punti riassorbibili ci mettono 20 gg a riassorbirsi, ma a volte ci mettono qualche tempo in più, pertanto, è importante capire il perché. Anche se non cre...

Dopo l’otturazione di due colletti dentali ho dolore, cosa devo fare?

Gent.ma Sig.ra Maria Teresa, Sicuramente avrebbero iniziato a dare fastidio di lì a poco anche se il dentista non li avesse curati. Probabilmente è stato un tentativo estremo di proteggere il nervo quasi scoperto dal colletto eroso. La...