Esami per distinguere gengivite e parodontite - Emoform

Esistono degli esami specifici per evidenziare la parodontite e distinguerla dalla gengivite?

Elisabetta V.

Milano

DOMANDA COMPLETA

Da circa un anno soffro di fastidi alle gengive, risultano gonfie, arrossate e a volte in base ai cibi posso avvertire fastidio con i pasti (per esempio il pane croccante mi irrita le gengive). Occasionalmente noto piccole perdite di sangue con l’uso di spazzolino e filo interdentale.>

Fino ad ora ho eseguito pulizia dentale una volta l’anno, ma dopo l’ultima visita il dentista mi ha consigliato una pulizia ogni 3 mesi considerato che l’accumulo di tartaro evidente tra una pulizia e l’altra è elevato e l’ultima volta ho dovuto fare 2 sedute consecutive di pulizia per ottenere un buon risultato. Prima di ogni pulizia avverto molto fastidio alle gengive, che aumenta a causa dell’intervento di pulizia e si calma nelle settimane successive, senza mai sparire realmente. Dopo la pulizia uso sempre un collutorio a base di clorexidina.

Ho richiesto quindi una visita parodontologica durante la quale lo specialista mi ha diagnosticato una parodontite aggressiva ma in stadio iniziale, prescrivendomi un trattamento di pulizia approfondita in 3-4 sedute che terminerà con una cura antibiotica di pochi giorni per eliminare con certezza la potenziale carica batterica. La prima visita che farò in preparazione alle sedute di trattamento, prevederà delle indagini RX che a quanto ho capito dovrebbero evidenziare i punti esatti di maggior accumulo di tartaro sottogengivale. La mi domanda è: esistono degli esami specifici per evidenziare la parodontite e distinguerla dalla gengivite? La cura è molto costosa, non vorrei farla inutilmente…

Risposta:

Gent.ma Sig.ra Elisabetta,

la differenza tra gengivite e parodontite riguarda il coinvolgimento o meno dell’osso: nella gengivite è infiammata la gengiva che è gonfia e sanguina ma non è presente il riassorbimento osseo che caratterizza la malattia parodontale. Il riassorbimento osseo lo si evidenzia oltre che clinicamente col sondaggio parodontale, specialmente con le indagini radiologiche che giustamente le sono state prescritte. Il percorso programmato dal Parodontologo, che ha descritto, è più che corretto per la situazione sintomatologica che ha riportato. La malattia parodontale non è guaribile, come non lo è il diabete, ma è curabile ed è possibile tenerla sotto controllo seguendo le indicazioni cliniche del collega.

Grazie per averci contattato.

Ti potrebbe interessare

Il giorno 22 sono stato dal dentista per il solito controllo annuale.

Gent.mo Massimiliano, Il parere prescindendo da una valutazione clinica in questi casi diventa difficilmente preciso. Pertanto, le consigliamo di seguire le indicazioni del suo dentista o laddove lo ritenga opportuno per mancata effica...

Credo di soffrire di alitosi ma non credo che il problema sia solamente orale.

Gent.ma Francesca, l’alitosi può originare dalla presenza di aree di accumulo batterico dentò-gengivali, dal pavimento linguale o anche da alterazioni/problematiche del tratto gastro esofageo. È opportuno partire da una visita odontoia...

Ho problemi di recessione gengivale. Cosa potrei assumere per rinforzare le mie gengive?

Gent.ma Antonella, I problemi di recessione gengivale possono avere cause di vario genere. Spesso addirittura, risultano essere l’esito di traumi autoindotti durante uno spazzolamento non adatto, altre volte esito di un processo infiam...

Infiammazione dove ancora non è spuntato il dente del giudizio, può essere pericoloso?

Gent.ma Daniela, problematiche annesse all'eruzione (l'uscita) dei denti del giudizio sono molto frequenti e spesso, a causa della mancanza di spazio, vengono a crearsi infiammazioni della gengiva intorno con pericoronite o tasche paro...

Fastidio dopo otturazione, è normale?

Gent.ma Elena, verosimilmente il dente avrebbe iniziato a darle fastidio di lì a poco anche se il dentista non lo avesse curato. Probabilmente è stato un tentativo estremo di proteggere la polpa, ovvero il nervo, molto vicina all'ottur...

Infiammazione dopo rimozione di un dente, come risolvere?

Gent.ma Sig.ra Ylenia, le consigliamo vivamente un controllo specialistico odontoiatrico clinico e radiologico per approfondire la questione e la reale problematica. Nell'attesa di prenotare una visita, le consigliamo di utilizzare pro...

Dopo l’estrazione ho ancora i punti, cosa devo fare?

Gent.ma Sig.ra Barbara, Una visita di controllo è assolutamente consigliabile. I punti riassorbibili ci mettono 20 gg a riassorbirsi, ma a volte ci mettono qualche tempo in più, pertanto, è importante capire il perché. Anche se non cre...

Dopo l’otturazione di due colletti dentali ho dolore, cosa devo fare?

Gent.ma Sig.ra Maria Teresa, Sicuramente avrebbero iniziato a dare fastidio di lì a poco anche se il dentista non li avesse curati. Probabilmente è stato un tentativo estremo di proteggere il nervo quasi scoperto dal colletto eroso. La...