Dopo aver rimosso una carie, avverto dolore al dente. Nonostante l’antibiotico non passa, cosa può essere?

Marta P.

Ardea

Domanda Completa:

Dopo aver rimosso una carie, avverto dolore al dente. Nonostante l’antibiotico non passa, cosa può essere?

Risposta:

Gent.ma Sig.ra Marta,

l’antibiotico va assunto solo dietro prescrizione medica, è grave assumere antibiotici per un dolore specie se probabilmente non ci sono infezioni in atto, per i dolori si assumono gli ANTIDOLORIFICI. Quando prescritto e assunto secondo le modalità dettate dal curante, se c’è sintomatologia algica, l’antibiotico ha bisogno di circa due o tre giorni per ridurre tale sintomatologia; questo è dovuto al fatto che, quando il dolore è dato da infezione in atto, ci vogliono due-tre giorni per ridurre la carica batterica e quindi il dolore. Avendo assunto l’antibiotico non può interromperlo prima della classica settimana, pena l’insorgenza di resistenze batteriche pericolose (siamo colonizzati da batteri anche e soprattutto quando siamo in perfetta salute). Cerco di spiegarmi meglio: accadrà di aver bisogno nuovamente di antibiotico, ma di non poter più usare lo stesso o doverlo assumere per un tempo più prolungato, perchè i batteri si sono fortificati con un’assunzione limitata a 3-4 compresse invece di morire come succede quando la cura viene estesa per 7 giorni. Tornando al dolore: i denti durante la rimozione della carie sono sottoposti a eventi traumatici (le frese che agiscono sul dente causano trauma meccanico mentre le sostanze usate per condizionare i tessuti per poter eseguire l’otturazione causano trauma chimico), che possono causare una “sensibilità” postoperatoria più o meno transitoria e di intensità variabile. Le consiglio un controllo dal dentista che ha eseguito l’otturazione che le consigli cosa fare ed eventualmente le spieghi la causa del dolore.

Grazie per averci contattato.

Ti potrebbe interessare

Protuberanze scure all’interno della bocca, cosa sono?

Gent. Sig. Marco, inizierei a rivolgermi ad un odontoiatra, a volte sono normali pigmentazioni (esempio: le efelidi) presenti da tempo e mai notate che col tempo possono aumentare e attirare l'attenzione. In alternativa può richiedere ...

Sento dolore e gonfiore a guancia destra e denti, cosa può essere?

Gent.ma Sig.ra Roxana, la diagnosi è data da: anamnesi, esame obiettivo ed esami diagnostici. Direi che il gonfiore può far pensare ad un'infezione dentaria, la localizzazione ad un'infiammazione dell'articolazione del processo coronoi...

L’unica cura per la parodontosi è l’estrazione del dente?

Gent.ma Sig.ra Maria, l'estrazione degli elementi dentari è solo l'ultimo passaggio, prima dell'estrazione ci sono diverse terapie cui sottoporsi che possono procrastinare l'estrazione dei denti. La cosa più utile è mantenere un livell...

Sono in gravidanza, posso estrarre il dente del giudizio?

Gent.ma Sig.ra Federica, purtroppo, probabilmente quello è un dente del giudizio in inclusione mucosa, può causare ascessi in qualsiasi momento. A termine gravidanza bisognerebbe sicuramente procedere con l’estrazione. Non è possibile ...

Quali antibiotici in caso di parodontite cronica?

Gent.ma Sig.ra Loredana, non è indicata l’assunzione di antibiotici per somministrazione orale in caso di malattia parodontale tranne in rarissimi casi che però valuta il dentista dopo una visita specialistica. Grazie per averci con...

Alitosi a causa dell’apparecchio fisso, come risolvere?

Gent. Sig. Fabrizio, le terapie ortodontiche normalmente durano qualche mese e necessariamente inducono variazioni nell’alimentazione (sia per dolorabilità legata al movimento dentale, sia per i fastidi legati alle difficoltà igieniche...

Come trattare le gengive irritate?

Gent.ma Sig.ra Lilia, Le gengive irritate possono essere trattate innanzitutto individuando la causa che ne determina l’irritazione ed allontanandola, generalmente si tratta di un accumulo eccessivo di placca e tartaro che deve necessa...

Quali prodotti per la parodontopatia?

Gent. Sig. Giovanni, la Parodontopatia diffusa necessita di cure professionali periodiche e l’utilizzo di prodotti specifici indicati dal dentista curante. Spesso collutori con clorexidina vengono consigliati, ma è il curante che, vist...