A tre mesi dalla pulizia dei denti, ho ancora i denti sensibili. È normale?

A tre mesi dalla pulizia dei denti, ho ancora i denti sensibili. È normale?

Martina M. Roma

DOMANDA COMPLETA

Ho fatto una pulizia dei denti 3 mesi fa, avevo un po’ di tartaro e mi ricordo che finita la pulizia avevo le gengive sanguinanti, stravolte per una settimana. Da quel giorno ancora soffro di sensibilità dentale, mai sofferto prima. È normale? Cosa devo fare? In particolare su due denti davanti, oggi quando li ho lavati ho perso sangue intorno a quei 2 denti.

Risposta:

Gent.ma Sig.ra Chiara,

purtroppo è normale nei casi in cui l’igiene orale è stata trascurata rispetto alle esigenze individuali: alcune persone sono maggiormente predisposte a problemi parodontali e necessitano di accorgimenti di igiene orale domiciliare e frequenti sedute di igiene orale rispetto ad altre persone. Se non vengono seguite determinato accortezze, l’accumulo di tartaro causa tumefazione gengivale, infiammazione e retrazione dell’osso sottostante. Sottoponendosi poi alla seduta di igiene e rimuovendo il tartaro, le gengive si sgonfieranno, lasciando scoperta parte del dente che invece precedentemente copriva e che quindi risulta maggiormente sensibile al freddo. Non è possibile che la gengiva ricresca, questo perché l’osso sottostante a causa dell’accumulo di tartaro si è ritirato e non può dare
sostegno alla gengiva per ricrescere.

Il sanguinamento che si manifesta ora, a 3 mesi dalla precedente igiene, significa che c’è già stato un eccessivo accumulo di tartaro e che deve sottoporsi nuovamente ad una seduta di igiene.
Grazie per averci contattato.

Potrebbero interessarti

L'esperto risponde

Hai una domanda sulla salute della tua bocca?

Emoform in collaborazione con l'Istituto Stomatologico Italiano ti fornisce tutto il supporto di cui hai bisogno.

a cura di

ISI

L’ISI, Istituto Stomatologico Italiano, dal 1908 rappresenta la storia dell’Odontoiatria italiana.
E' il punto di riferimento costante tra lo sviluppo di competenze scientifiche e le esigenze e le cure dei pazienti.