A tre mesi dalla pulizia dei denti, ho ancora i denti sensibili. È normale? - Emoform

A tre mesi dalla pulizia dei denti, ho ancora i denti sensibili. È normale?

Martina M.

Roma

DOMANDA COMPLETA

Ho fatto una pulizia dei denti 3 mesi fa, avevo un po’ di tartaro e mi ricordo che finita la pulizia avevo le gengive sanguinanti, stravolte per una settimana. Da quel giorno ancora soffro di sensibilità dentale, mai sofferto prima. È normale? Cosa devo fare? In particolare su due denti davanti, oggi quando li ho lavati ho perso sangue intorno a quei 2 denti.

Risposta:

Gent.ma Sig.ra Chiara,

purtroppo è normale nei casi in cui l’igiene orale è stata trascurata rispetto alle esigenze individuali: alcune persone sono maggiormente predisposte a problemi parodontali e necessitano di accorgimenti di igiene orale domiciliare e frequenti sedute di igiene orale rispetto ad altre persone. Se non vengono seguite determinato accortezze, l’accumulo di tartaro causa tumefazione gengivale, infiammazione e retrazione dell’osso sottostante. Sottoponendosi poi alla seduta di igiene e rimuovendo il tartaro, le gengive si sgonfieranno, lasciando scoperta parte del dente che invece precedentemente copriva e che quindi risulta maggiormente sensibile al freddo. Non è possibile che la gengiva ricresca, questo perché l’osso sottostante a causa dell’accumulo di tartaro si è ritirato e non può dare sostegno alla gengiva per ricrescere.

Il sanguinamento che si manifesta ora, a 3 mesi dalla precedente igiene, significa che c’è già stato un eccessivo accumulo di tartaro e che deve sottoporsi nuovamente ad una seduta di igiene.
Grazie per averci contattato.

Ti potrebbe interessare

Il giorno 22 sono stato dal dentista per il solito controllo annuale.

Gent.mo Massimiliano, Il parere prescindendo da una valutazione clinica in questi casi diventa difficilmente preciso. Pertanto, le consigliamo di seguire le indicazioni del suo dentista o laddove lo ritenga opportuno per mancata effica...

Credo di soffrire di alitosi ma non credo che il problema sia solamente orale.

Gent.ma Francesca, l’alitosi può originare dalla presenza di aree di accumulo batterico dentò-gengivali, dal pavimento linguale o anche da alterazioni/problematiche del tratto gastro esofageo. È opportuno partire da una visita odontoia...

Ho problemi di recessione gengivale. Cosa potrei assumere per rinforzare le mie gengive?

Gent.ma Antonella, I problemi di recessione gengivale possono avere cause di vario genere. Spesso addirittura, risultano essere l’esito di traumi autoindotti durante uno spazzolamento non adatto, altre volte esito di un processo infiam...

Infiammazione dove ancora non è spuntato il dente del giudizio, può essere pericoloso?

Gent.ma Daniela, problematiche annesse all'eruzione (l'uscita) dei denti del giudizio sono molto frequenti e spesso, a causa della mancanza di spazio, vengono a crearsi infiammazioni della gengiva intorno con pericoronite o tasche paro...

Fastidio dopo otturazione, è normale?

Gent.ma Elena, verosimilmente il dente avrebbe iniziato a darle fastidio di lì a poco anche se il dentista non lo avesse curato. Probabilmente è stato un tentativo estremo di proteggere la polpa, ovvero il nervo, molto vicina all'ottur...

Infiammazione dopo rimozione di un dente, come risolvere?

Gent.ma Sig.ra Ylenia, le consigliamo vivamente un controllo specialistico odontoiatrico clinico e radiologico per approfondire la questione e la reale problematica. Nell'attesa di prenotare una visita, le consigliamo di utilizzare pro...

Dopo l’estrazione ho ancora i punti, cosa devo fare?

Gent.ma Sig.ra Barbara, Una visita di controllo è assolutamente consigliabile. I punti riassorbibili ci mettono 20 gg a riassorbirsi, ma a volte ci mettono qualche tempo in più, pertanto, è importante capire il perché. Anche se non cre...

Dopo l’otturazione di due colletti dentali ho dolore, cosa devo fare?

Gent.ma Sig.ra Maria Teresa, Sicuramente avrebbero iniziato a dare fastidio di lì a poco anche se il dentista non li avesse curati. Probabilmente è stato un tentativo estremo di proteggere il nervo quasi scoperto dal colletto eroso. La...