Dopo 4 giorni di antibiotico, c’è ancora dolore e gonfiore alle gengive. Che faccio?

Dopo 4 giorni di antibiotico, c’è ancora dolore e gonfiore alle gengive. Che faccio?

Iuliana C. Caltanissetta

DOMANDA COMPLETA

Mio marito ha fatto 4 giorni di antibiotico dato che ha molto dolore e ha il viso davvero gonfio. Nonostante questo, non passa. Cosa si può fare?

Risposta:

Gent.ma Sig.ra Iuliana,

innanzitutto, mi auguro che non si sia fermato a soli 4 giorni di terapia antibiotica, minimo i giorni di antibiotico devono essere 6 altrimenti si corre il rischio di creare pericolose resistenze batteriche. È molto grave non seguire indicazioni corrette o autoprescriversi l’antibiotico.

Dopo questa doverosa premessa, l’antibiotico NON è un antidolorifico, ma serve a ridurre l’infezione batterica che è la causa del dolore, se assunto secondo le corrette modalità (rispettando rigorosamente gli orari di assunzione, preferibilmente lontano dai pasti) ha bisogno di almeno 3 giorni per iniziare a dare risultati, cioè riduzione (non eliminazione!!) della carica batterica e quindi della sintomatologia algica. La tumefazione, che generalmente si sviluppa in 3-4 giorni in crescendo, ha tempi molto lunghi per ridursi di volume soprattutto se la causa non è trattata correttamente: se c’è un ‘infezione batterica, l’antibiotico riduce la carica batterica, ma non elimina il motivo per cui c’è l’infezione (quella deve individuarla e trattarla il dentista) che potrà pertanto ripresentarsi inaspettatamente a
distanza di tempo. quello che dovete fare è rivolgervi ad un odontoiatra il più presto possibile, magari finché permane la copertura antibiotica. Grazie per averci contattato.

Potrebbero interessarti

L'esperto risponde

Hai una domanda sulla salute della tua bocca?

Emoform in collaborazione con l'Istituto Stomatologico Italiano ti fornisce tutto il supporto di cui hai bisogno.

a cura di

ISI

L’ISI, Istituto Stomatologico Italiano, dal 1908 rappresenta la storia dell’Odontoiatria italiana.
E' il punto di riferimento costante tra lo sviluppo di competenze scientifiche e le esigenze e le cure dei pazienti.