Dopo 4 giorni di antibiotico, c'è ancora dolore e gonfiore alle gengive. Che faccio? - Emoform

Dopo 4 giorni di antibiotico, c’è ancora dolore e gonfiore alle gengive. Che faccio?

Iuliana C.

Caltanissetta

DOMANDA COMPLETA

Mio marito ha fatto 4 giorni di antibiotico dato che ha molto dolore e ha il viso davvero gonfio. Nonostante questo, non passa. Cosa si può fare?

Risposta:

Gent.ma Sig.ra Iuliana,

innanzitutto, mi auguro che non si sia fermato a soli 4 giorni di terapia antibiotica, minimo i giorni di antibiotico devono essere 6 altrimenti si corre il rischio di creare pericolose resistenze batteriche. È molto grave non seguire indicazioni corrette o autoprescriversi l’antibiotico.

Dopo questa doverosa premessa, l’antibiotico NON è un antidolorifico, ma serve a ridurre l’infezione batterica che è la causa del dolore, se assunto secondo le corrette modalità (rispettando rigorosamente gli orari di assunzione, preferibilmente lontano dai pasti) ha bisogno di almeno 3 giorni per iniziare a dare risultati, cioè riduzione (non eliminazione!!) della carica batterica e quindi della sintomatologia algica. La tumefazione, che generalmente si sviluppa in 3-4 giorni in crescendo, ha tempi molto lunghi per ridursi di volume soprattutto se la causa non è trattata correttamente: se c’è un ‘infezione batterica, l’antibiotico riduce la carica batterica, ma non elimina il motivo per cui c’è l’infezione (quella deve individuarla e trattarla il dentista) che potrà pertanto ripresentarsi inaspettatamente a
distanza di tempo. quello che dovete fare è rivolgervi ad un odontoiatra il più presto possibile, magari finché permane la copertura antibiotica. Grazie per averci contattato.

Ti potrebbe interessare

Il giorno 22 sono stato dal dentista per il solito controllo annuale.

Gent.mo Massimiliano, Il parere prescindendo da una valutazione clinica in questi casi diventa difficilmente preciso. Pertanto, le consigliamo di seguire le indicazioni del suo dentista o laddove lo ritenga opportuno per mancata effica...

Credo di soffrire di alitosi ma non credo che il problema sia solamente orale.

Gent.ma Francesca, l’alitosi può originare dalla presenza di aree di accumulo batterico dentò-gengivali, dal pavimento linguale o anche da alterazioni/problematiche del tratto gastro esofageo. È opportuno partire da una visita odontoia...

Ho problemi di recessione gengivale. Cosa potrei assumere per rinforzare le mie gengive?

Gent.ma Antonella, I problemi di recessione gengivale possono avere cause di vario genere. Spesso addirittura, risultano essere l’esito di traumi autoindotti durante uno spazzolamento non adatto, altre volte esito di un processo infiam...

Infiammazione dove ancora non è spuntato il dente del giudizio, può essere pericoloso?

Gent.ma Daniela, problematiche annesse all'eruzione (l'uscita) dei denti del giudizio sono molto frequenti e spesso, a causa della mancanza di spazio, vengono a crearsi infiammazioni della gengiva intorno con pericoronite o tasche paro...

Fastidio dopo otturazione, è normale?

Gent.ma Elena, verosimilmente il dente avrebbe iniziato a darle fastidio di lì a poco anche se il dentista non lo avesse curato. Probabilmente è stato un tentativo estremo di proteggere la polpa, ovvero il nervo, molto vicina all'ottur...

Infiammazione dopo rimozione di un dente, come risolvere?

Gent.ma Sig.ra Ylenia, le consigliamo vivamente un controllo specialistico odontoiatrico clinico e radiologico per approfondire la questione e la reale problematica. Nell'attesa di prenotare una visita, le consigliamo di utilizzare pro...

Dopo l’estrazione ho ancora i punti, cosa devo fare?

Gent.ma Sig.ra Barbara, Una visita di controllo è assolutamente consigliabile. I punti riassorbibili ci mettono 20 gg a riassorbirsi, ma a volte ci mettono qualche tempo in più, pertanto, è importante capire il perché. Anche se non cre...

Dopo l’otturazione di due colletti dentali ho dolore, cosa devo fare?

Gent.ma Sig.ra Maria Teresa, Sicuramente avrebbero iniziato a dare fastidio di lì a poco anche se il dentista non li avesse curati. Probabilmente è stato un tentativo estremo di proteggere il nervo quasi scoperto dal colletto eroso. La...