Alitosi dopo apparecchio fisso, come risolvere? - Emoform

Alitosi a causa dell’apparecchio fisso, come risolvere?

Fabrizio G.

L'Aquila

DOMANDA COMPLETA

Prima di mettere l’apparecchio fisso non soffrivo di alitosi poi una volta messo ho cominciato a soffrirne e pensavo che una volta tolto sarebbe passato invece ora che l’ho tolto continuo ad avere alitosi. Che posso fare?

Risposta:

Gent. Sig. Fabrizio,

le terapie ortodontiche normalmente durano qualche mese e necessariamente inducono variazioni nell’alimentazione (sia per dolorabilità legata al movimento dentale, sia per i fastidi legati alle difficoltà igieniche che un apparecchio fisso comporta: tanti rinunciano alle fibre perché restano attaccate ai bracketts…). Potrebbe pertanto essersi verificata una variazione della componente microbica del cavo orale.

È importante che la dieta sia molto varia, con abbondante consumo di frutta e verdura fresca, è buona norma ridurre quanto più possibili alimenti confezionati e bere molta
acqua. Fondamentale sarà una visita odontoiatrica per scongiurare che non vi siano problemi di malattia parodontale e sottoporsi a sedute di igiene orale con frequenza indicata dall’odontoiatra curante.

Un accumulo eccessivo di placca e tartaro, infatti, comporta a sua volta un accumulo di batteri che possono essere causa di alitosi. Lavare tre volte al giorno i denti (cioè dopo i pasti principali) e usare un collutorio due sere a settimana, senza dimenticare di usare filo interdentale e/o scovolini interdentali, sono norme date per assunte.

Grazie per averci contattato.

Ti potrebbe interessare

Dopo l’otturazione di due colletti dentali ho dolore, cosa devo fare?

Gent.ma Sig.ra Maria Teresa, Sicuramente avrebbero iniziato a dare fastidio di lì a poco anche se il dentista non li avesse curati. Probabilmente è stato un tentativo estremo di proteggere il nervo quasi scoperto dal colletto eroso. La...

Sento dolore alle gengive dopo un’estrazione, è normale?

Gent. Sig. Dario, ci vogliono almeno 3-4 settimane per non avere alcun fastidio e lasciare che i tessuti sottostanti si consolidino, l’osso infatti completa la mineralizzazione in due mesi almeno. Grazie per averci contattato.

Protuberanze scure all’interno della bocca, cosa sono?

Gent. Sig. Marco, inizierei a rivolgermi ad un odontoiatra, a volte sono normali pigmentazioni (esempio: le efelidi) presenti da tempo e mai notate che col tempo possono aumentare e attirare l'attenzione. In alternativa può richiedere ...

Sento dolore e gonfiore a guancia destra e denti, cosa può essere?

Gent.ma Sig.ra Roxana, la diagnosi è data da: anamnesi, esame obiettivo ed esami diagnostici. Direi che il gonfiore può far pensare ad un'infezione dentaria, la localizzazione ad un'infiammazione dell'articolazione del processo coronoi...

L’unica cura per la parodontosi è l’estrazione del dente?

Gent.ma Sig.ra Maria, l'estrazione degli elementi dentari è solo l'ultimo passaggio, prima dell'estrazione ci sono diverse terapie cui sottoporsi che possono procrastinare l'estrazione dei denti. La cosa più utile è mantenere un livell...

Sono in gravidanza, posso estrarre il dente del giudizio?

Gent.ma Sig.ra Federica, purtroppo, probabilmente quello è un dente del giudizio in inclusione mucosa, può causare ascessi in qualsiasi momento. A termine gravidanza bisognerebbe sicuramente procedere con l’estrazione. Non è possibile ...

Quali antibiotici in caso di parodontite cronica?

Gent.ma Sig.ra Loredana, non è indicata l’assunzione di antibiotici per somministrazione orale in caso di malattia parodontale tranne in rarissimi casi che però valuta il dentista dopo una visita specialistica. Grazie per averci con...

Come trattare le gengive irritate?

Gent.ma Sig.ra Lilia, Le gengive irritate possono essere trattate innanzitutto individuando la causa che ne determina l’irritazione ed allontanandola, generalmente si tratta di un accumulo eccessivo di placca e tartaro che deve necessa...