Pulizia della lingua, cosa fare

Pulizia della lingua, cosa fare

A cura di Emoform

Contatta

Pulire correttamente la nostra lingua è essenziale per prevenire svariate patologie orali, soprattutto per combattere l’alitosi : la soluzione del problema è più semplice di quanto si possa immaginare.

Scopriamo, dunque, perché è importante pulire la lingua e gli strumenti giusti da usare.

Pulire la lingua è molto importante

Perché è importante

Una delle problematiche orali, che maggiormente ci infastidiscono, è sicuramente l’alitosi, data per lo più dai batteri che si annidano nella bocca, a causa di diversi fattori. Primo fra tutti, un’igiene orale scorretta e trascurata, che comprende un modo scorretto di pulire la lingua.

Un segno tipico di una lingua non curata è la presenza di una patina biancastra, formata da batteri, e residui alimentari che, se non rimossi, possono favorire l’insorgenza di alitosi e infezioni. La rimozione dei patogeni, permette di  gestire anche il problema dell’alito cattivo (quando è di natura transitoria).

Spesso, infatti, l’alitosi dipende dalla patina che si deposita sulla lingua, dove possono accumularsi microrganismi simili a quelli che costituiscono la placca batterica.

In parole semplici, questi batteri, se non rimossi, produrranno composti solforati volatili (ad esempio l’idrogeno solforato) e altre sostanze maleodoranti, responsabili dell’alito cattivo.

Oltre a mantenere la lingua perfettamente pulita, per combattere l’alitosi è utile usare Emoform® Alifresh® collutorio consigliato in abbinamento al dentifricio Emoform® Alifresh®. 

Altri vantaggi

Avere la lingua sempre pulita rallenta inoltre la maturazione della placca batterica dentale, limitando così il rischio di malattie gengivali e carie, che alla lunga potrebbero evolvere in  parodontiti e ascessi.

Un altro vantaggio è che si percepisce meglio il gusto di cibi e bevande con una lingua in stato ottimale, diminuendo la possibilità di avere qualche disturbo durante la digestione.

Detergere la lingua vuol dire anche effettuare un massaggio, che potrebbe fare bene a tutto il nostro corpo, dal momento che ogni punto della lingua corrisponde ad un organo interno che beneficerà di una leggera stimolazione. Ma c’è dell’altro: la lingua è una delle prime aree di difesa del nostro sistema immunitario, di conseguenza tenerla in salute vuol dire dare una mano a proteggere in generale l’intero organismo.

Come effettuare la pulizia

Adesso vediamo quali sono le tecniche migliori per una corretta pulizia della lingua e gli strumenti più adeguati da utilizzare.

Come sempre si parte dalla prevenzione e in questo caso basterà guardare ogni mattina allo specchio lo stato della nostra lingua per capire se è sana. Se la superficie si presenta uniforme e di colore rosa non c’è da preoccuparsi. Se, invece, notiamo gonfiori, un’eccessiva rugosità e un colore tendente al bianco sono spie di una presenza eccessiva di batteri o di altre problematiche, che sarebbe utile indagare.

A questo punto come detergere la nostra lingua? Sicuramente, la pulizia va fatta una volta al giorno, mattina o sera, mentre per quanto riguarda il metodo, ci sono delle alternative.

Possiamo usare il classico spazzolino da denti purché sia a setole ultra morbide, oppure uno strumento specifico, chiamato  pulisci-lingua o nettalingua, che dovrà essere preferibilmente in silicone. Qualunque strumento scegliamo, deve risultare meno traumatico possibile per le papille linguali.

Come fare? Semplicemente tirando fuori la lingua in tutta la sua lunghezza, si comincia a spazzolarla dall’interno verso l’esterno con movimenti delicati, lenti e fluidi.

E’ importante raggiungere la parte più in fondo della lingua dove si annida maggiormente la patina batterica. Terminata la pulizia è possibile sciacquare la bocca con dell’acqua o con del collutorio, ad esempio Aqua Emoform® gusto delicato.