Denti e fumo, le conseguenze per la salute della bocca

Denti e fumo, le conseguenze per la salute della bocca

A cura di Emoform

Contatta

Il vizio della sigaretta continua a causare grossi danni alla salute, anche a quella del cavo orale dal momento che il fumo passa proprio attraverso la bocca.
Alcuni di questi problemi spesso vengono anche sottovalutati, vediamoli insieme.

Cosa succede ai denti quando fumi

Danni allo smalto

Il primo danno che il fumo causa alla bocca è anche uno dei più visibili, ovvero la formazione di macchie sui denti. Inoltre il tabacco rende i batteri presenti nel tartaro molto più aggressivi.

Dulcis in fundo (insomma) sembrerebbe che il fumo favorisca l’insorgere del bruxismo.

Danni alle gengive

Un altro danno provocato dal fumo è la diminuzione di ossigeno nelle gengive che favorisce la sopravvivenza dei batteri più aggressivi che si annidano nella placca. Alla lunga questa situazione può comportare l’evoluzione di stati infiammatori  cronici che portano a retrazione dell’osso attorno con conseguente perdita anticipata dei denti.

Guarigione delle ferite post-intervento

Il vizio del fumo allunga i tempi di guarigione delle ferite post-intervento chirurgico perché, come abbiamo già detto, diminuisce il livello di ossigeno che c’è nelle gengive e, di conseguenza, i processo di guarigione risultano alterati.

Alitosi

Il tabacco, si sa, provoca l’alitosi e s’innesca un circolo vizioso: per combattere l’alito pesante si ha la tendenza a mangiare mentine e gomme da masticare alla menta che, come si sa, provocano danni ai denti.

Malattie delle mucose

A parte questi danni , il fumo può causare vere e proprie patologie che coinvolgono le mucose. Alcuni esempi possono essere:

  • Leucoplachia, una lesione caratterizzata da macchie bianche su guance e lingua che richiede l’intervento immediato del dentista
  • Candidosi, un’infezione fungina provocata da un sistema immunitario poco efficiente e, lo abbiamo già detto, il fumo abbassa le difese immunitarie

Conseguenze post fumo

Riassumendo, il tabagismo non è certamente un buon amico per il cavo orale visto che lo rendono un ambiente particolarmente favorevole per la proliferazione di batteri.

La cosa migliore da fare è senza dubbio smettere di fumare, o per lo meno ridurre sotto le 5 sigarette/dì.Ad esempio l’ingiallimento dei denti è un fenomeno piuttosto permanente che si può solo in parte arginare usando appositi dentifrici, per esempio Neo Emoform® Whitening

Se è necessario sarà meglio sottoporsi a uno sbiancamento professionale dei denti.