Bocca secca, come prevenirla e curarla

Bocca secca, come prevenirla e curarla

A cura di Emoform

Contatta

Si chiama anche secchezza delle fauci anche se molto più comunemente, soprattutto quando cerchiamo di descrivere questa sensazione, usiamo l’espressione “avere la bocca secca”. In parole povere è una condizione caratterizzata dalla secchezza della mucosa orale provocata dalla mancanza di saliva. In questi casi possiamo anche percepire labbra screpolate e uno strano sapore in bocca.

Cerchiamo di capirne di più, soprattutto cosa provoca la bocca secca e come intervenire.

Come prevenirla e curarla

Cause

Le cause della bocca secca possono essere tante e diverse.

Dieta

Diciamo subito che soffrirne di tanto in tanto non rappresenta un problema, anzi, è una condizione molto comune. In questi casi è da collegare ad una leggera disidratazione causata da un’eccessiva sudorazione, da una scarsa reintroduzione di liquidi o da una dieta troppo salata. Alimenti, quali caffè, aglio e cipolla hanno la tendenza a seccare la bocca favorendo la proliferazione di germi e batteri.

Farmaci

Anche l’assunzione di alcuni farmaci, quali antidepressivi, antistaminici o farmaci per l’obesità, possono provocare uno scarso flusso salivare.

Fumo

Altre cause possono essere il tabacco.

Malattie e Disturbi

Ci sono anche alcune patologie che hanno tra le conseguenze anche la bocca secca, per esempio un’ostruzione nasale o il setto nasale deviato, le quali impongono di respirare con la bocca, la quale tenderà ad essere più asciutta. Anche soffre di tonsilliti  o di reflusso gastroesofageo potrebbe incorrere nella sensazione di bocca secca, ma anche alitosi  e bruciore di stomaco.

Diagnosi

Se questa condizione perdura, diventa necessaria una visita dal dentista di fiducia che potrà fare una diagnosi precisa dopo un attento controllo della cavità orale: una volta inquadrata per bene la situazione lo specialista saprà indicarci la terapia più opportuna.

Come intervenire

A seconda di cosa provochi la bocca secca c’è una soluzione diversa.

Ad esempio se la causa sono i farmaci, il medico potrebbe sostituirli con altri che incidono meno sul flusso salivare.

Il dentista potrebbe consigliare risciacqui orali con collutori, quali GLIC Emoform, che con glicerina e acido ialuronico aiuta a dare una sensazione di idratazione duratura. Anche l’alitosi è una condizione che può presentarsi quando c’è scarso apporto salivare, in quel caso ci si può aiutare Emoform® Alifresh® collutorio  oppure Emoform® Alifresh® Spray

Oltre all’uso di prodotti specifici, è consigliata un’igiene orale adeguata e costante oltre a modificare lo stile di vita, per esempio abolendo il fumo, cercando di respirare con il naso anziché con la bocca, bevendo di più, umidificando bene gli ambienti.

Anche masticare spesso il chewingum aiuta a ridurre il problema, visto che stimola la produzione di saliva.