Lavare i denti ai bambini: quando, come e con cosa - Emoform

Quando iniziare a lavare i denti ai bambini?

A cura di Emoform

Contatta

La corretta igiene orale riguarda tutti, grandi e piccoli, ma i genitori spesso si chiedono quando iniziare a lavare i denti ai bambini. Scopriamo insieme a che età cominciare, quale spazzolino e dentifricio scegliere e qualche consiglio su come lavare correttamente i denti ai piccoli.

lavare i denti ai bambini

A che età iniziare a lavare i denti ai bambini?

In realtà l’igiene orale dovrebbe iniziare appena spunta il primo dente. Fino a 12 mesi è sufficiente passare una garza di cotone bagnata o i baby toothbrush (spazzolini in silicone a forma di ditale) sulle gengive e sui denti che sono già comparsi, in questo modo la bocca rimane pulita e si abitua il bambino a questa pratica.

Superato l’anno di età e aumentato il numero di denti, si può passare allo spazzolino. È importante lavare i denti già dai 12 mesi perché esistono delle patologie che colpiscono proprio i bambini così piccoli, in particolare la carie da biberon (BBTD – Baby Bottle Tooth Decay) che è legata all’uso di sostanze dolci per rendere il biberon stesso più appetibile e quindi favorire l’addormentamento del bambino. Tale abitudine riduce il flusso salivare, per cui perde di efficacia il tamponamento dell’acidità del cavo orale e si favorisce l’attacco dello smalto da parte degli zuccheri. Arrivati ai 3 anni si può introdurre il dentifricio in quantità ridotte. Il compito del genitore non finisce qui, dovrà supervisionare il lavaggio dei denti almeno fino ai 10 anni, specie la sera. I bambini possono essere svogliati, è complicato convincerli di quanto sia importante l’igiene orale per il loro futuro, per cui è necessario sorvegliarli e assicurarsi che provvedano.

Si consiglia, inoltre, di fare la prima visita dal dentista intorno ai 5/6 anni, quando i denti decidui saranno comparsi tutti e sarà possibile verificare la presenza di eventuali malocclusioni.

Il compito più importante di un genitore è far comprendere al bambino l’importanza dell’igiene orale, che deve essere una pratica quotidiana, da svolgere più volte al giorno. L’unico modo è farlo diventare un gioco, che gli dimostri che nella bocca esistono dei piccoli nemici invisibili che vogliono fare del male ai denti. In commercio esistono delle pastiglie rivelatrici di placca, che colorano le zone dove sono presenti dei residui. I bambini potranno divertirsi a spazzolare via i “nemici” con cura maggiore e il momento di lavarsi i denti sarà più piacevole. Inoltre, online si trovano moltissimi video che durano due minuti e che insegnano ai bambini a lavarsi i denti con simpatiche canzoncine.

Spazzolino e dentifricio per i bambini

Lo spazzolino per i bambini deve avere dimensioni ridotte e setole morbide, studiato appositamente per i piccoli, magari colorato renderlo più simile a un gioco. Dopo i 3 anni si può scegliere uno spazzolino elettrico, anch’esso per bambini, che sicuramente faciliterà la correttezza della pulizia.

Quando si introduce il dentifricio bisogna dosarlo con cura, molti spazzolini per bambini sono realizzati con una cavità proprio per aiutare a quantificare il dentifricio.

Emoform propone una linea pensata per i bambiniEmoform® Kids – con dentifrici al gusto fragola e mou, con 500ppm di fluoro, l’ideale per proteggere dalla carie i denti da latte e renderli più sani e forti. Inoltre, non contiene parabeni, sodio lauril solfato e allergeni per limitare il rischio di irritazioni della mucosa orale del bambino.

Per i bambini oltre i 6 anni, nella nostra gamma c’è Emoform Junior, ideale durante la fase della crescita, grazie all’azione di fluoro e xilitolo aiuta a prevenire la carie e a rinforzare lo smalto dei denti permanenti; la presenza di estratti naturali di Lichene, Salvia e Propoli contribuiscono a contrastare la formazione della placca e favoriscono la salute delle gengive. Infine, non contiene saccarina, SLS e SLES, senza PEG e limonene per limitare il rischio di irritazioni della mucosa orale.

Come lavare i denti ai bambini

Quando sono ancora piccoli, sotto i 3 anni di età, è necessario che sia il genitore a lavare i denti al bambino. Per maggiore comodità si consiglia di tenere il bambino seduto sulle proprie ginocchia, con la testa rivolta all’indietro, in maniera da avere una visuale migliore sull’interno della bocca. Per prima cosa bisogna spazzolare ogni superficie verticale dalla gengiva verso il dente. A seguire, le superfici orizzontali che vanno spazzolate muovendosi avanti e indietro. Fatto ciò si può giocare con il bambino, consentendogli di provare a lavare i denti da solo. Il tutto va ripetuto almeno due volte al giorno e per 2 minuti.

Quando i denti da latte sono completi e si sono avvicinati, si può cominciare a usare il filo interdentale, la flossette è sicuramente la tipologia più pratica. Grazie a questo strumento si previene la carie interdentale e si insegna al bambino una buona abitudine, che porterà con sé anche da adulto.

Ti potrebbe interessare